Zoom R16 un registratore multitraccia a 8 canali

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

Quando zoom ha annunciato l’ R16 registratore / controller mi sono incuriosito. E’ un registratore stand-alone a 16 canali digitali che potrebbe raddoppiare, come front-end DAW / controller a un prezzo di $ 399, potrebbe essere uno strumento valido in molte realtà produttive. L’R16 di Zoom registra a 44,1 khz lineare in dati audio PCM a 16 bit o 24 bit, con 8 preamplificatori microfonici in grado di catturare fino a otto tracce allo stesso tempo, qualcosa che non è mai stata fatta a questo prezzo.

Fisicamente, l’ R16 è piccolo, misura solo 14.8×9.3×2 cm (LxPxA) e pesa meno di 3 chili. L’ R16 ha anche un mixer a 16 canali digitali con otto fader e un master fader. Un interruttore fornisce un accesso rapido agli altri otto canali. Sotto il cofano ci sono più di 100 effetti DSP-compressione, EQ, riverbero, chorus, delay, ed effetti per chitarra (distorsione, flange, pitch, wah, tremolo, e altro), così come le emulazioni di amplificatori / cabinet, un metronomo digitale, e un tuner cromatico. L’ R16 ha un registratore integrato a 2 tracce per mixare all’interno del box, con o senza effetti di mastering. L’ R16 è fornito in bundle con Steinberg Cubase LE 4, anche se funziona con un vasto assortimento di DAW-Mac e PC.
Alloggiato in un telaio di plastica leggera, l’ R16 è dotato di otto ingressi di canale XLR combo / TRS mic / jack line. Il primo canale ha un interruttore hi-Z per il collegamento di una chitarra o un basso, e i canali 5 e 6 sono commutabili con l’alimentazione phantom. Il pannello posteriore dispone anche di un jack ¼ per il collegamento di un paio di monitor da studio e un uscita per le cuffie. Entrambi dispongono di controlli a livello individuale, ma il posizionamento del pannello posteriore fa di questi un pò scomodo. L’unità può essere alimentata da un adattatore AC esterno, o fino a 4,5 ore con sei batterie AA. Quando viene utilizzato come interfaccia di registrazione DAW, l’ R16 può essere alimentato tramite bus da USB, e il pannello laterale è dotato di due porte USB per il collegamento ad un computer o ad un secondo R16 per la registrazione simultanea di 16 tracce.

L’ R16 non ha a bordo il disco rigido, invece memorizza le tracce audio come singoli file WAV su una SD (max 2GB) o SDHC (max 32GB). Esso comprende una scheda da 1GB per iniziare (circa 200 minuti a 44.1kHz/16-bit), ma su un progetto a 16 tracce, che corrisponde solo a circa 12,5 minuti di registrazione. Fortunatamente, l’SD è facilmente reperibile, abbastanza poco costoso e facile da trasferire in qualsiasi DAW software. L’ R16 ha un piccolo schermo LCD monocromatico che include un paio di righe di caratteri e alcune icone piccole per lo stato operativo. La navigazione è semplice e veloce una volta che vi abituate.

Ho iniziato la mia analisi dell’ R16 con una semplice sessione vocale / chitarra. In questo caso, ho indirizzato il pick-up di una  Taylor 814ce acustica nell’ ingresso Hi-Z sul canale 1, e un microfono valvolare ST69 Sterling Audio nel canale 2 e  due condensatori RODE M3 in stereo distanziati a circa 16 centimetri davanti della chitarra e connessi nei canali dell’ R16 di 5 e 6 (i due ingressi con alimentazione phantom). Il tutto ha lavorato abbastanza bene con un pò di crunch aggiunto da un modello di amplificatore Marshall, un suono arioso e largo dal Rodes microfonato in stereo e una ripresa liscia sulla voce tramite il mic ST69. I preamplificatori microfonici non sono stati stellari, ma non erano male, neanche.
Alcuni degli effetti DSP sono sorprendentemente buoni, e, naturalmente, se avete bisogno di più, si può sempre trasferire il vostro progetto in una DAW per i ritocchi. Allo stesso tempo, l’ R16 offre una discreta quantità di accesso ai parametri DSP. La R16 è pubblicizzato come un controller DAW, ma richiede una buona dose di modifiche e personalizzazione per aggiungere la capacità di usare i controlli di trasporto, fader, e i tasti in funzione. Chi cerca un controller più dettagliatato per la DAW fà bene a guardare un unità dedicata, ma posso dire che l’ R16 è un affare che è difficile resistere, soprattutto al prezzo di $ 399.
 Zoom R16