Api 7600 una channel strip dal suono robusto e presente

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

I prodotti attuali di API (preamplificatori microfonici e equalizzatori) sono quasi identici ai disegni originali del 1968, e sono in produzione quasi ininterrottamente da allora. Ecco le Caratteristiche fondamentali del modello che vi presento oggi: preamplificatore microfonico, compressore, equalizzatore a tre bande, alimentazione phantom a 48V, 20 dB. 

L’API 7600 (prezzo di 2.995 dollari) channel strip combina il preamplificatore microfonico 212L e il compressore 225L della sua “Legacy” console – con una versione aggiornata dell’equalizzatore 550A. L’equalizzatore 550A è stato modificato solo per includere sette opzioni per la banda di frequenza invece dei cinque che erano nei modelli originali, altrimenti è lo stesso in ogni aspetto. Il preamplificatore microfonico dispone di una manopola di guadagno, un alimentazione 48V,un interruttore per i 20 dB e un LED a sette segmenti. Il compressore è un VCA, progettato negli anni più recenti da Mr. Wolff, ha le manopole per i tempi di soglia, il rapporto e il rilascio, i pulsanti per disattivare il compressore, stereo link, i tempi di compressione veloci o lenti, oppure in modo in cui deve agire il compressore soft o hard. Ha una struttura di rilevamento del livello che è simile al modelli API 525. Una delle cose che fa l’API 7.600 è la presenza di numerosi autobus progettati per consentire agli utenti di combinare insieme più unità. Ho guardato sia dentro che fuori questa channel strip e posso dire che è davvero costruita bene.

In uso

Ho utilizzato questa channel strip su diverse fonti tra cui voce, pianoforte, chitarra acustica, flauto, clarinetto, violoncello, loop di batteria, rullante ecc. utilizzando un sistema Pro Tools Mix con un convertitore Apogee AD-8000 a 24 bit. Il risultato che mi ha dato è caratterizzato da un suono molto in avanti presente e robusto senza bassi esagerati. Essendo un progetto basato su trasformatore (ci sono cinque trasformatori in vari punti nel percorso audio), da un senso di grassezza e calore tipico come i moduli Neve 1073. E ‘stato anche notevolmente più pulito rispetto al suono Neve. Nella mia esperienza vintage i moduli Neve sono un punto di riferimento quando si tratta di grassezza e preferibilmente tono e colore in una unità allo stato solido. Essi sono molto famosi per la loro valorizzazione nelle registrazioni vocali e nelle batterie (tra molte altre cose).
La prima volta che ho provato l’API 7600  in stereo su chitarra acustica, sono rimasto soddisfato. La chitarra era una Martin-16TR, microfonata in stereo, utilizzando un L47MP Lawson e un Rode NT-1. L’API si è comportato bene proprio come fanno i pre NEVE. In un’altra sessione ho usato il pre 7600con un neumann u87 su un violoncello e una chitarra ovation ed ancora una volta gli strumenti hanno beneficiato di una bella presenza echiarezza. Sul pianoforte l’API è stato eccezionale, portando un grande senso di solidità e di apertura allo strumento, lo stesso discorso vale sulle voci anche se suona meglio sulle voci con meno luminosità. Mentre su fonti miste come ad esempio usarlo come EQ/compressore in fase di mastering non sono rimasto soddisfatto. Mentre l’equalizzatore e i pre microfonici sono eccezionali, e sono in gran parte responsabili per il carattere distintivo dell’unità, ho trovato la sezione della compressione, anche se utile in molti casi, un pò meno soddisfacente. Sentivo un lieve appannamento del tono quando il compressore era attivo. L’API 7600 è un eccellente prodotto audio professionale che potrebbe facilmente giustificare il suo prezzo.
http://www.apiaudio.com/chanstrip.html