Guida ai microfoni per pc e live

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

Esistono vari microfoni in commercio e ve li elenco:

Dinamici: sono quelli spesso utilizzati in situazioni live perchè sono più robusti e meno delicati.

Condensatori: sono quelli più usati negli studi di registrazione ed hanno una qualità superiore ai dinamici sia in termini di chiarezza presenza e dettaglio ma per i live non vengono impiegati perchè sono abbastanza delicati. A differenza dei microfoni dinamici questi microfoni richiedono l’alimentazione phantom perchè lavorano a 48 volt mentre un dinamico lavora a 12volt.

Valvolari: questi microfoni sono sempre dei condensatori con l’aggiunta di una valvola quindi sono ancora più delicati, mentre a livello sonoro di solito sono più colorati e più caldi di un condensatore proprio perchè il suono viene riscaldato dalla valvola.

Nastro: i microfoni a nastro sono sempre dei microfoni da studio con un impedenza molto bassa quindi richiedono dei preamplificatori con tanto guadagno, la loro caratteristica sonora e quella di fornire un suono molto naturale trasparente e dettagliato.

Microfoni usb: questi fanno parte dell’ultima generazione di microfoni dove tramite un cavo usb si possono collegare ad un computer senza la necessità di entrare in un mixer o una scheda audio, di solito sono forniti con dei driver o software quindi sono dei microfoni per computer.

Ma alla fine ricordate che non esiste solo il fattore della qualità, sono tutti microfoni che possono essere usati per registrare con il computer o avvolte nel live (entrano in gioco anche i fattori creativi) di solito è una questione di gusti, qual’è il microfono che ti piace di più per la tua voce o il tuo strumento?
Molto spesso accade che negli studi di registrazione professionali che dispongono di microfoni molto costosi per una questione di gusti usano microfoni che costano poche centinaia di euro. Ma voi direte, potrebbe essere! ma pure i dinamici per riprendere la voce in studio in modo professionale? Vi rispondo che è raro, io non lo farei mai ma ci sono artisti di grosso calibro che lo hanno già fatto.