Migliore amplificatore hi fi, quale acquistare?

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

Un amplificatore stereo è il cuore di ogni sistema hi-fi. Sia che si tratti di amplificare un set-up digitale, di pilotare altoparlanti esigenti o di dare ad un giradischi la grinta necessaria, abbiamo quello giusto per te. Non sono però così semplici come in passato. I giorni degli ingressi e delle uscite analogici sono ormai lontani. Con laptop, smartphone e servizi di streaming che diventano fonti musicali sempre più popolari, l’amplificatore stereo è andato al passo coi tempi. Molti contengono convertitori digitali-analogici incorporati, connessioni USB e capacità standard di streaming wireless. Ecco i migliori amplificatori hi fi che puoi acquistare, qualunque sia il tuo budget.

Onkyo A-9010 – Vedi prezzo o acquista

L’Onkyo A-9010 sembra piuttosto ordinario: è ben fatto e specificato in modo sensato. Sono disponibili controlli di tono deflettibili, una discreta gamma di ingressi, fonorivelatori a magnete mobile e l’uscita per le cuffie. Il telecomando in dotazione è una semplice unità di plastica, ma è ben organizzata e facile da usare. Al primo ascolto, si capisce come gli ingegneri progettisti abbiano creato qualcosa di speciale. Le modifiche comportano l’uso di componenti migliorati in diverse aree chiave e la messa a punto dell’alimentazione e dei circuiti audio con l’obiettivo di produrre un suono musicalmente gratificante.

Premendo il pulsante Source Direct, esso ignora i controlli di tono e aiuta l’amplificatore hi fi a produrre un suono un po’ più pulito e nitido per carpire i minimi dettagli. L’amplificatore tiene sotto controllo la moltitudine di suoni strumentali anche quando la musica diventa esigente. L’A-9010 si adatta a tutti i generi musicali. Ha abbastanza raffinatezza e intuizione per consegnare in modo convincente l’Inno di John Williams ai Caduti (da Salvate il soldato Ryan). Qui è esposta una discreta quantità di scale, ma è il modo in cui l’amplificatore si occupa dei cambiamenti dinamici che impressionano di più. La sua tonalità è ben impostata. L’Onkyo A-9010 sembra aperto e vivace negli acuti, ma non vira mai verso l’aggressività.

Marantz PM6006 – Vedi prezzo o acquista

Il PM6006 della Marantz sembra essere un modesto erede del monumentale PM6005, ottenendo un secondo input ottico, nuovi piedini “ad alte prestazioni” per ridurre ulteriormente le vibrazioni indesiderate e interni migliorati, tra cui un alimentatore e un alloggiamento in metallo extra per limitare ulteriormente l’impatto dello stadio digitale sul segnale analogico. Naturalmente, questo significa poco se non risulta una migliore qualità del suono. La presentazione sonora del PM6006 è notevolmente più pulita e chiara, più solida in modo particolare attraverso la gamma media. La transizione dall’amplificatore PM6004 al PM6005 ha visto l’aggiunta di un DAC e di connessioni digitali – un aggiornamento che l’ha fatta entrare nell’era digitale. Nessun passo così radicale è stato preso con la PM6006.

In corrispondenza delle connessioni legacy del suo predecessore (quattro ingressi a livello di linea, uno stadio phono, una porta per cuffie da 6,3 mm e un loop per la registrazione), ha ancora lo stesso supporto a 24 bit / 192kHz e conserva il singolo ingresso coassiale del suo predecessore. Il secondo ingresso ottico lo rende sicuramente più versatile per chi ha un sistema combinato di hi-fi e home cinema a due canali e che cerca di collegare un componente hi-fi, ad esempio il lettore CD del modello CD6006 o lo streamer N6005 sempre della Marantz, oltre ad un televisore. Ma non è l’input digitale extra ciò che ci piacerebbe davvero avere. Con il PM6005, avevano espresso il desiderio di un ingresso USB per una connessione più diretta con un laptop, e tale desiderio rimane insoddisfatto.

Con l’adattatore giusto, puoi collegare un laptop tramite uno degli ingressi ottici dell’amplificatore, ma non è l’ideale. Ciò significa che l’Optical 2 è ora disponibile sugli ingressi che allineano il pannello frontale, ma per il resto nulla di particolare è cambiato nell’aspetto. Con il “look Marantz” apparentemente scolpito nella pietra, il PM6006 assomiglia molto ai suoi predecessori. Ha ancora un telaio in alluminio solido, in argento o nero, con un quadrante per i controlli di input, volume e tono.

Rega Brio – Vedi prezzo o acquista

Giunto alla sesta generazione (l’originale Brio fu lanciato per la prima volta nel 1991), il nuovo Brio è al contempo familiare e completamente nuovo. È stato ridisegnato, ma in un modo che richiama lo stile retrò dei vecchi modelli. Rimane sempre un amplificatore analogico, ma ora, finalmente, ha una presa per le cuffie. E, soprattutto, è fantastico. Il suo incredibile senso del ritmo, le sue dinamiche incisive, l’agilità, i dettagli e il divertimento: queste sono le sue eccezionali qualità. Il suono che produce è più chiaro, più dettagliato e più muscoloso.  Lo stesso 50W per canale (in 8 ohm) scorre attraverso le vene dell’amplificatore e, mentre potrebbe non sembrare molto, devi solo alzare il volume di una canzone metal-rock per sentire la pura forza delle chitarre lamentose e dei tamburi fragorosi.

Nonostante la soddisfacente grinta che accompagna la musica pesante, è l’agilità e l’abilità ritmica di questo amplificatore che è il vero punto di forza. Il nuovo Brio è stato rinnovato in tutto, da un layout di circuito aggiornato al design del pannello frontale che ricorda i modelli dei primi anni ’90. Ogni ritocco ai circuiti e all’alimentazione è stato fatto per aiutare l’isolamento e mantenere il percorso del segnale principale il più chiaro possibile, portando a una migliore qualità complessiva del suono. Ora ci sono due alimentatori separati nel Brio: il più grande per la sezione dell’amplificatore di potenza, il più piccolo per lo stadio phono e il preamplificatore. Il telaio è stato ridisegnato: ora è realizzato in un case completamente in alluminio a due parti che ne aiuta l’affondamento e l’affidabilità. Questo amplificatore da 5 kg è così rassicurantemente robusto che quasi tutti i soldi spesi ne valgono la pena. Il frontale curvo e il display riarrangiato sono minimalisti ed eleganti. Il quadrante del volume, un paio di pulsanti e i LED rossi adornano il lucido pannello frontale.

Il pulsante di accensione e il selettore di input fanno clic in modo soddisfacente e le icone dell’input numerate si illuminano di conseguenza quando vengono scelte. L’altra caratteristica importante del Brio è il nuovo quadrante del volume: un anello di metallo scavato che fa sembrare l’amplificatore un po’ più dandy. Sul retro troverai quattro ingressi a livello di linea, gli ingressi fono-stage e una coppia di uscite per la registrazione. È anche presente una singola coppia di terminali per altoparlanti. L’uscita per le cuffie è la nuova aggiunta: la connessione da 6,3 mm è stata attentamente integrata per assicurarsi che non interferisca con il segnale dell’altoparlante principale.

Rega Elex-R – Vedi prezzo o acquista

È la moda per gli amplificatori integrati per evitare un palco phono. Non questo modello Rega però, che brilla con buoni giradischi. Pensa a questo amplificatore integrato come un Brio-R più muscoloso. La qualità costruttiva è solida come ci si aspetta dalla Rega, e mentre i case sono funzionali piuttosto che lussuosi, sono rifiniti bene e tutto sembra che durerà per anni. Chiunque abbia familiarità con l’attuale gamma di amplificatori della Rega troverà familiare la capacità sonora dell’Elex-R. Offre un suono veloce, agile e ritmato. Una combinazione di tempismo, spazio e dinamica impressionanti significano che il battito può essere un vero alleato delle parti secondarie, senza che nulla suoni a distanza o che il Rega stia girando a ruota libera. Tonalmente, l’Elex-R si piega verso la magrezza, sebbene se abbinato con cura, evitando fonti e diffusori che vanno troppo verso la luminosità o la ruvidità.

Ovviamente una potenza di 72W per canale in 8ohms non è sufficiente per far tremare il pavimento in stanze molto grandi, ma pensiamo che questo amplificatore sia capace di livelli decenti nella maggior parte dei set-up. Se questo è tutto ciò che vuoi da un amplificatore stereo tradizionale, il Rega rimane su un terreno sicuro. Non ci sono ingressi digitali, invece si ottiene uno stadio phono MM di buona qualità. È un circuito relativamente silenzioso, che mantiene tutti i buoni punti sonori che abbiamo notato nelle fasi di linea. Ci sono quattro input a livello di linea, un tape out e un singolo output di preamplificatore, il quale se è necessario aggiunge un po’ più di muscoli. Questo è probabilmente sufficiente per la maggior parte degli impianti stereo puristi, anche se l’assenza di un’uscita cuffie incorporata è un leggero inconveniente, considerando la sua inclusione in così tanti amplificatori concorrenti.

Avete trovato il migliore amplificatore hi fi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *