Quali sono i migliori balalaika? prezzi e opinioni

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

Balalaika è una parola melodica, è una parola che ha ritmo, dinamica, tono. Rimbalza sulla lingua come i testi, concludendo con una risonante ultima sillaba (una trionfante -ka) come risoluzione finale di una canzone. La balalaika, come suggerisce il nome, è uno strumento popolare russo. Sviluppato nella sua forma moderna durante il 19° secolo dal prodigio musicale Vassilij Vassilevich Andreev, la balalaika contemporanea è disponibile in cinque tipologie: contrabbasso, basso, sekunda, prima e ottavino, e di solito ha tre corde o sei disposte in due gruppi. È sintonizzato su un quarto perfetto (E-E-A) e riprodotto utilizzando un indice o un plettro. Il corpo triangolare dello strumento è solitamente realizzato in legno duro e può essere semplice o altamente decorativo con intarsi di legno più scuro, pittura a mano e un foro sonoro riccamente scolpito al centro.

Sebbene le sue radici siano spesso contestate, la balalaika assomiglia a molti strumenti a corda dell’Asia orientale, come la dombra e il tanbur. Prima del 1500, i giullari o i menestrelli itineranti, chiamati skomorokh, suonavano la balalaika come una forma di ribellione, accompagnando le loro melodie con testi che ridicolizzavano la politica e la Chiesa ortodossa russa. Per questo motivo, la chiesa ha cercato di sterminare la musica popolare russa e le sue basi radicali durante il 1600. Non sorprende quindi che la prima documentazione scritta di una balalaika sia un documento di arresto risalente all’anno 1688. Tuttavia, la chiesa non ebbe successo nei suoi sforzi, e la musica popolare prosperò durante il 1700.

Si formarono orchestre serfe e in tutta la Russia si diffusero molti insegnanti di questo particolare tipo di musica. La musica folk si diffuse su tutta la Russia, e la stessa balalaica divenne così popolare tra le classi medie e basse durante questo periodo che sembrava che ogni famiglia ne possedesse almeno una. Per tutto l’Ottocento, la balalaika rimase comune, e gli atteggiamenti verso di essa erano paralleli al crescente spirito rivoluzionario in Russia. Durante gli anni Novanta dell’Ottocento (ovvero gli anni precedenti alla rivoluzione russa), la Russia sperimentò due importanti sviluppi. Il primo fu una rapida crescita industriale, nel senso che più persone lavoravano in fabbriche con un salario molto basso, e la seconda era l’emancipazione dei servi. Da una prospettiva moderna, questo atto apparentemente benevolo avrebbe dovuto ottenere allo zar più sostegno.

Però, mentre lo zar richiedeva che i servi fossero liberati e che i loro proprietari dessero loro una parte della loro terra, la quantità di terra che i servi avrebbero dovuto ottenere non avrebbe mai permesso loro di essere nulla più che agricoltori di sussistenza. Inoltre, i proprietari erano in grado di scegliere quale terreno dare ai contadini appena liberati. La terra che sceglievano era spesso la terra peggiore che possedevano, rendendo quasi impossibile la vita più marginale. Mentre l’insoddisfazione dei lavoratori per le pessime condizioni delle fabbriche aumentò, la delusione dei contadini per la riforma fallita crebbe. Il malcontento si stava sviluppando nelle classi inferiori e il comunismo stava guadagnando popolarità. Si stava preparando la rivoluzione. Il nuovo atteggiamento sovversivo sia del proletariato che dei contadini può essere visto nel loro trattamento della balalaika nell’arte.

Ad esempio, una bottiglia di vetro fabbricata del 1890, attualmente esposta al Museo Hermitage di San Pietroburgo, in Russia, raffigura un contadino che suona la balalaika. È un bell’oggetto che celebra apertamente l’uomo comune, simboleggiato dalla balalaika, il quale era uno strumento della quotidianità. L’idolatria della classe contadina attraverso questo oggetto mostra la nuova focalizzazione e il potenziamento degli ex servi. E poiché la bottiglia unisce i contadini (il fulcro dell’arte) e il proletariato (i creatori e i consumatori previsti dell’arte), essa può anche essere letta come un precursore del comunismo, che riunì questi due gruppi sotto la falce e martello incrociate.

La bottiglia, pur esteticamente gradevole, è volutamente utilitaristica. Il proletariato e i contadini, unificati come comunisti emergenti, lo avrebbero considerato artisticamente attraente per la sua natura funzionale. I futuri consumatori si aspettavano di decorare le loro case con queste bottiglie, coprendo le loro pareti in simboli di un singolare gruppo comunista di proletariato e contadini. A causa della sua apparizione in questa bottiglia, la balalaika sarebbe stata collegata ancora più fortemente al comunismo e alla collaborazione tra operai e contadini.

La storia della balalaika è simile in molti modi alla storia del banjo americano. Come la balalaika, il banjo è uno strumento popolare con origini poco chiare. Durante la metà del 1700, i cristiani evangelici dominavano negli Stati Uniti. Poiché queste persone consideravano il ballare come un peccato, diffidavano del banjo, la cui musica sordida poteva danzare o peggio. Insomma, ci sono degli elementi che accomunano in qualche modo i due strumenti. Magari hanno anche un’origine in comune. Di seguito, troverai dei modelli interessanti per il 2018.

Musikalia Balalaika russa a 6 corde – Vedi prezzo o acquista

Di costruzione artigianale italiana, il Balalaika russo originale a 6 corde ha una tavola armonica in douglas o abete massello. Il fondo ha 7 doghe in legno di acero e palissandro o acero e noce Mansonia e il manico è in legno di mogano in 2 o più pezzi. La tastiera è in legno di noce Mansonia o palissandro, la tavola armonica è perfilata e intarsiata.

Specifiche prodotto

Numero modello articolo: 706 B/6

Materiale corde: Acciaio

Numero di corde: 6

Numero di tasti della tastiera: 6

GEWA Balalaika 6 corde – Vedi prezzo o acquista

Questo modello ha 440 mm di cilindro graduato, la tavola in abete massiccio, il guscio in acero massiccio, il manico sempre in acero e la tastiera in legno massiccio. Le imbracature sono in silvers 19, il decapé in legno spielplatte; il meccanismo è in ottone e i bottoni in plastica. La lunghezza totale è di 690 mm e la larghezza totale del corpo è di 430 mm, con una profondità massima di 130 mm. La finitura brillante è stata fatta in Europa.

Specifiche prodotto

Numero modello articolo: 513901

Materiale corde: Acciaio

Numero di corde: 6

Numero di tasti della tastiera: 5

APC Instruments BAL50M Alto Balalaika – Vedi prezzo o acquista

Il modello BAL50M ha la parte superiore in abete massello, quella posteriore e i laterali in legno Sapelli. Ha tre corde in acciaio e viene fornito con una borsa. La lunghezza della scala è di 520 mm e la finitura è in Matte Raso.

Specifiche prodotto

Peso articolo: 1,05 Kg

Dimensioni prodotto: 110 x 62,5 x 11,2 cm

Numero modello articolo: BAL50M – Alto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *